Home Recensioni Album Recensione nuovo album dei Morcheeba, “Head up high”. (di Mela Giannini)

Recensione nuovo album dei Morcheeba, “Head up high”. (di Mela Giannini)

90
0
SHARE

E’ uscito il 14 ottobre il nuovo tanto atteso album dei Morcheeba (Skye Edwards, Paul & Ross Godfrey), intitolato “Head up high”, a tre anni di distanza da “Blood like lemonade”, disco che segnò il ritorno  nella band della cantante  Skye Edwards dopo sette anni, tempo che la  Skye ha impiegato per  intraprendere  una carriera da solista.

1157470_10152143854037538_1304426583_n

All’interno di questo progetto discografico, si trovano importanti collaborazioni,  Ana Tijoux e Nature Boy, Chali2na dei Jurassic 5, James Petrali dei White Denim, Rizzle Kicks.
Head up high“, è uscito sotto l’etichetta  PIAS Recordings e il suo primo estratto è stata la bellissima “Gimme your love”.

hqdefault

 Questa la Tracklist di “Head up high“,

“Gimme your love”
“Face of danger”
“Call it love”
“Under the ice”
“I’ll fall apart”
“Make believer”
“Release me now”
“To be”
“Hypnotized”
“To the grave”
“Do you good”
“Finally found you”

xxx

 I Morcheeba sono già in Tour dal 20 settembre dove si sono esibiti nella loro 1ma tappa al Greek Theatre di Los Angeles
A fine Ottobre inizierà il Tour EUROPEO. Al momento non sono state annunciate delle tappe in Italia.

749661-morcheeba

L’ascolto del nuovo lavoro di questo particolarissimo gruppo, inconfondibile nel suo sound, è a dir poco AFFASCINANTE.
Ovvio è che la voce di Skye Edwards è l’elemento principale che garantisce l’ORIGINALITA’  a questo gruppo e alla sua musica, tant’è che nel periodo in cui la Skye lasciò il gruppo, quest’ultimo sembrava “mutilato” nella sua essenza d’essere, era diventato “anonimo”, aveva perso quel fascino che da sempre aveva caratterizzato questa formazione musicale.

1009841_10152143847132538_487877904_n

Con “Head up high” i Morcheeba sembrano aver trovato lo smalto “creativo” che rese “particolare e ricercato” il sound del gruppo agli inizi della loro avventura artistica nel mondo della discografia.
Questo disco, più del precedente di 3 anni fa, “Blood like lemonade”, disco in cui si “risentì” dopo 7 anni la voce di Skye in un album dei Morcheeba, si percepisce una ritrovata “armonia” tra tutti i componenti del gruppo, una “intesa” che con fatica hanno riacquistato con il tempo e il lavoro in studio.

images
Senza dubbio la traccia più bella dell’album è il primo estratto, “Gimme Your Love”,  seguito a ruota da “Make Believer”, due canzoni dalle atmosfere raffinate e ricercate, in cui la voce di Skye viaggia sulle note con un’eleganza senza eguali.

In “To Be” i Morcheeba realizzano il sogno di due giovani ragazzi, due giovani artisti che formano il duo “Rizzle Kicks“, da sempre fans dei Morcheeba, che in questa canzone hanno potuto lavorare con i loro idoli di sempre.

Le tracce “dance” di  “Face of Danger”, “Release Me Now” e “Hypnotized” sono piacevolmente “contaminate”
dall’ hip hop, nella prima dal rap di Chali 2 Na dei Jurassic 5, nella seconda da Jim Kelly dei Nature Boy e nella terza dalla particolare voce femminile di Ana Tijoux che “parla” in spagnolo.

 In  “Under The Ice” si va sul sicuro, una canzone squisitamente pop e melodica, molto raffinata , sia nell’interpretazione che nella produzione stessa della canzone

Particolare è la traccia di  “To The Grave”, una sorta di ritorno al passato, a quelle miscele di sonorità tra reggae e dub che contraddistinse il sound dei Morcheeba, una traccia che crea “nostalgia” dei tempi che furono, per chi da sempre ha seguito questo gruppo e per chi da sempre ha amato la particolarissima voce di Skye.

xx

La voce di James Petralli dei White Denim, nella traccia “sperimentale” di  Call It Love”, da un apporto notevole alla canzone sul mood soul-blues che caratterizza la canzone, insieme alle magnifiche note di una chitarra che viaggia solitaria in questo particolare brano.
A primo ascolto questa canzone sembra quasi non essere dei Morcheeba, se non fosse per gli arrangiamenti tipici che accompagnano in sottofondo la canzone stessa, sottofondo che magistralmente si miscela con quello che succede nella “superfice” della canzone stessa, tra la potenza della voce di Petralli e il superlativo assolo di chitarra che lega il tutto.

Anche in  “I’ll Fall Apart” ritroviamo la voce di Petralli e questa canzone sembra il seguito di Call It Love” nel mood, con l’unica differenza sostanziale che qui, la voce di Skye si sovrappone a quella di James  e i due generi musicali, legati ognuno a queste due voci così diverse, si “fondono”, creando  un esperimento molto interessante e creativo senza limiti alcuni.

La traccia  “Do you Good”  potrebbe essere a mio avviso il 2ndo estratto del disco, perchè è forse la canzone più orecchiabile dell’album.

L’album si chiude con  “Finally Found You”, canzone in cui troviamo di nuovo un duetto tra la Skye e James Petralli, duetto bellissimo che chiude in bellezza tutto il disco.

x

Alla fine dell’ascolto di questo album, mi sento sinceramente di consigliare, a chi ama la musica “particolare“, quella che esce fuori dagli schemi commerciali, di comprare assolutamente questo disco, perchè a mio modesto avviso è un piccolo capolavoro che nasce attraverso la capacità creativa e la voglia di sperimentare, miscelare generi e modi di fare musica diversi, sonorità ricercate e giochi di voci che sono assolutamente magnifiche .

Articolo/Recensione di Mela Giannini

Per ascoltare in streameng l’album e per scaricarlo dalle varie piattaforme digitali, basca collegarsi a questo apposito sito:http://mtab.tv/morcheeba/

Video 1mo  estratto – Gimme Your Love-Morcheeba

[youtube id=”qKFMK2eDWeQ”]

Comments

LEAVE A REPLY