Home Musica La voce di Freddie Mercury oggetto di uno studio scientifico

La voce di Freddie Mercury oggetto di uno studio scientifico

1764
0
SHARE

di Mela Giannini

Che la voce del grande Freddie Mercury fosse straordinaria, per tecnica ed estensione vocale, in molti lo sapevamo già.
Ora ad avvalorare ulteriormente questa comune opinione è addirittura uno studio scientifico, il “Freddie Mercury – acoustic analysis of speaking fundamental frequency, vibrato, and subharmonics“, una ricerca effettuata da un team di ricercatori europei, un gruppo di studiosi svedesi, cechi e austriaci, insieme al cantante danese Daniel Zangger-Borch, l’unico, a quanto pare, ad avere la voce molto simile alle capacità vocali di Mercury.

Questo gruppo di ricercatori ha effettuato un’analisi acustica della voce di Freddie, pubblicando, alla fine, le conclusioni in un articolo su “Logopedics Phoniatrics Vocolagy“.

Lo studio ha sfatato qualche mito, ma ha fatto luce su altre particolarità eccezionali della voce del cantante dei Queen.
Prima di tutto è stato riscontrato che Mercury, a differenza di quanto si sia sempre pensato, NON avesse una estensione vocale di quattro ottave intere, e che NON fosse un tenore, ma più propriamente un baritono.

Lo studio è stato effettuato con dei rigorosi test fatti direttamente su alcune registrazioni della voce dell’artista e sul confronto tra quest’ultima e una voce “controfigura”, quella del cantante professionista danese su indicato, Zangger-Borch.

Quello che è stato rilevato della straordinaria voce di Freddie è che quest’ultimo, con il suo personale modo di muovere la laringe, era in grado di usare le subarmoniche (tecnica propria di alcuni canti etnici come quelli dei Tuvan della Mongolia e dei Tenores della Barbagia) e che le sue corde vocali si muovevano ad una velocità superiore alla media.

Inoltre il suo vibrato era più irregolare e veloce rispetto a quello di altri cantanti. E sono proprio queste incredibili caratteristiche vocali che hanno fatto di questo grande artista un cantante più unico che raro…e sicuramente inimitabile.

[youtube id=”kijpcUv-b8M”]

 

Comments