Home Musica Nasceva oggi, 70 anni fa, Freddie Mercury

Nasceva oggi, 70 anni fa, Freddie Mercury

1733
0
SHARE

di Mela Giannini

Nella giornata odierna, il 5 settembre del 1946 nasceva al Government Hospital di Stone Town, a Zanzibar un bambino che sarebbe diventato, in futuro, uno dei più grandi artisti del XX secolo, una delle voci più uniche che rare del rock e uno straordinario autore di grandi successi: Freddie Mercury.

La famiglia di Farrokh Bulsara, vero nome di Freddie, era di origine parsi e indiane.
Ancora giovane, esattamente nel 1970, fu uno dei fondatori dei Queen, uno dei gruppi rock britannici considerati ormai dei miti della storia musicale inglese contemporanea.

Freddie, istrionico e talentuoso frontman del gruppo, che sul palco dal vivo era pura energia e trascinatore di folle, fece parte dei Queen fino alla sua morte, anche se negli anni ’80 intraprese anche una carriera solista pubblicando due album, Mr. Bad Guy e Barcelona, e in quest’ultimo disco vi era una importantissima collaborazione, quella con la soprano spagnola Montserrat Caballé.

Lui fu l’autore di canzoni che hanno fatto la storia della musica, brani quali “Bohemian Rhapsody”, “Somebody To Love”, “Don’t Stop Me Now”, “We Are The Champions”, “Crazy Little Thing Called Love”, “It’s a Hard Life”, “Killer Queen”, “Love of My Life”, “Play the Game”.

Anche se non dichiarata, era risaputa la sua omosessualità. Morì il 24 novembre del 1991, a soli 45 anni, a causa di una grave broncopolmonite sopraggiunta dopo che l’artista si ammalò di AIDS. L’ultima apparizione pubblica live dell’artista fu quella del 18 febbraio 1990, per ricevere un premio per il contributo dei Queen alla musica britannica ai BRIT Awards. Mentre la sua ultima apparizione in un video fu quella relativa alla canzone These Are the Days of Our Lives, in cui  appariva terribilmente magro, quasi irriconoscibile. Il video, tratto dal suo ultimo album con i Queen Innuendo – pubblicato 10 mesi prima della morte di Freddie  –, venne mandato in onda e reso pubblico solo dopo la sua morte, come da sua volontà.

Freddie continuò a registrare fino all’ultimo e la sua ultima incisione avvenne con il brano Mother Love, il 22 maggio 1991. Da allora in poi, ormai debilitato e ammalato, si ritirò nella sua villa di Earls Court a Londra, dove poi morì.

Solo il giorno prima della sua morte, Freddie diede alle agenzie stampa un comunicato ufficiale in cui parlava della sua malattia.
Queste le parole del comunicato: “Desidero confermare che sono risultato positivo al virus dell’HIV e di aver contratto l’AIDS. Ho ritenuto opportuno tenere riservata questa informazione fino a questo momento al fine di proteggere la privacy di quanti mi circondano. Tuttavia è arrivato il momento che i miei amici e i miei fan in tutto il mondo conoscano la verità e spero che tutti si uniranno a me, ai dottori che mi seguono e a quelli del mondo intero nella lotta contro questa terribile malattia“.

Nel febbraio 1992 i restanti componenti dei Queen, durante i BRIT Awards, annunciarono un grande evento in omaggio di Freddie, il Freddie Mercury Tribute Concert, concerto commemorativo che si tenne il 20 aprile 1992 al Wembley Stadium di Londra  a cui parteciparono numerosi artisti internazionali. I proventi dell’evento furono devoluti in beneficenza all’associazione The Mercury Phoenix Trust.

A 4 anni dalla sua morte, gli altri componenti dei Queen decisero di far uscire un album postumo, con canzoni inedite, registrate anche da Freddie e scartate per l’album “Innuendo”. Così il 7 novembre 1995 venne pubblicato l’album Made in Heaven. Il disco contiene le ultime tracce vocali di Mercury, registrate poco prima di morire, come A Winter’s Tale, You Don’t Fool Me e soprattutto, come su scritto, Mother Love,  traccia da lui incisa e registrata ormai da seduto a causa delle sue condizioni di salute.

L’ULTIMO VIDEO GIRATO DA FREDDIE
[youtube id=”FyejB43PKkE”]

 

Comments