Home Musica BOB DYLAN ROMPE GLI INDUGI E SCRIVE ALL’ACCADEMIA DEL NOBEL: NON SARA’...

BOB DYLAN ROMPE GLI INDUGI E SCRIVE ALL’ACCADEMIA DEL NOBEL: NON SARA’ PRESENTE ALLA CERIMONIA

677
0
SHARE

di Mela Giannini

È da poco arrivata la comunicazione ufficiale da parte dell’Accademia Svedese del Nobel Prize in cui si evince che Robert Allen Zimmerman, in arte Bob Dylan, non parteciperà alla cerimonia di consegna del Premio Nobel per la letteratura il 10 Dicembre, alla presenza cerimonia del re di Svezia. La motivazione sarebbe che l’artista  è occupato per “impegni presi precedentemente che rendono impossibile il viaggio a Stoccolma” aggiungendo che è comunque “dispiaciuto di non poter partecipare e di essere molto onorato per il riconoscimento“.

91a2mjfvbhl

L’organizzazione della cerimonia ha ricevuto ieri una lettera dal cantautore americano in cui “spiega di non potersi rendere disponibile a raggiungere Stoccolma per ritirare il premio“.

Ricordiamo che l’assegnazione del riconoscimento – il Nobel per la letteratura per la prima volta assegnato ad un esponente del mondo della musica popolare per aver “creato una nuova espressione poetica nell’ambito della tradizione della grande canzone americana” – è avvenuta il 13 ottobre scorso (leggi nostro articolo). Da quella data in poi c’è stato un “rincorrere” l’artista da parte degli accademici, che addirittura non sono riusciti a comunicare ufficialmente all’interessato sulla decisione dell’assegnazione del Nobel Prize.

bob-dylan-lyric
Dylan si è fatto “vivo” solo la settimana dopo, accettando di fatto il premio solo attraverso un breve riferimento nel suo sito ufficiale, riferimento che, tra le altre, è stato tolto pochissimo tempo dopo.

Solo diversi giorni fa l’artista, durante la tappa in Oklahoma del Never Ending Tour, ha rilasciato qualche dichiarazione ad una giornalista de The Daily Telegraph, Edna Gundersen, dicendosi onorato per il Nobel e che se fosse stato libero sarebbe andato alla cerimonia di assegnazione: “E’ difficile da credere. Essere premiati con il Nobel è sorprendente, incredibile. Chi avrebbe mai sognato una cosa del genere?“.

E poi ecco, puntuale, un altro colpo di scena alla Dylan, la lettera inviata all’Accademia in cui annuncia la sua “assenza” il giorno della cerimonia.

bob-dylan
Per chi conosce l’artista di Duluth, per chi lo segue da sempre, questo comportamento non desta nessuna sorpresa. Chi conosce davvero l’uomo e l’artista Dylan quasi era certo che alla fine non avrebbe presenziato alla cerimonia. Lui è sempre stato imprevedibile, poco propenso a cerimonie varie e onorificenze.

Il Nobel comunque rimane suo… come suo rimane il suo personalissimo e singolare carattere, che nemmeno un premio prestigioso come quello accreditato dall’Accademia Svedese del Nobel Prize ha scalfito e cambiato.

Bob Dylan prima del Nobel:

Riconoscimenti
1963 – Premio Tom Paine
1970 – Laurea Honoris Causa in musica, Princeton University
1982 – Songwriters Hall of Fame
1997 – Kennedy Center for the Performing Arts Honors
2000 – Polar Music Prize
2002 – Nashville Songwriters Hall of Fame
2004 – Laurea Honoris Causa in musica, St. Andrews University, Scozia
2007 – Premio Principe delle Asturie
2008 – Premio Pulitzer, con menzione speciale
2009 – National Medal of Arts
2012 – Presidential Medal of Freedom

Grammy Awards
1973 – The Concert for Bangladesh, album dell’anno
1979 – Gotta Serve Somebody, miglior interpretazione vocale maschile rock
1989 – Traveling Wilburys, Vol. One, miglior interpretazione duo/gruppo vocale
1991 – Lifetime Achievement Award (Premio alla carriera)
1994 – World Gone Wrong, miglior album folk-tradizionale
1997 – Time Out of Mind, album dell’anno; Time Out of Mind, miglior album folk contemporaneo; Cold Irons Bound, miglior interpretazione vocale maschile rock
2001 – “Love and Theft”, miglior album folk contemporaneo
2006 – Modern Times, miglior album folk contemporaneo; Someday Baby, miglior interpretazione vocale solista rock

Per il Cinema
2001 – Premio Oscar per la miglior canzone originale: Things Have Changed, dal film Wonder Boys
2001 – Golden Globe per la miglior canzone originale (Things Have Changed)

 

 

Comments