Home News Roberto Mancinelli e le collaborazioni tra autori italiani e americani, un importante...

Roberto Mancinelli e le collaborazioni tra autori italiani e americani, un importante sbocco per la musica italiana

Importante e interessante intervista dell'ANSA a Roberto Mancinelli, Consultant Italian Portfolio per SonyAtv a New York, che spiega come si può portare la musica italiana all'estero, attraverso gli interscambi artistici che nascono dalle collaborazioni tra autori italiani e autori americani.

1068
0
SHARE

di Mela Giannini

Oggi l’Ansa dedica una importante Video intervista ad un discografico italiano, uno tra quei pochi nel nostro paese che sta concretamente facendo un grande e importante lavoro per la musica italiana, ed in particolare per l’autorato italiano.

La persona di cui parliamo è Roberto Mancinelli, Consultant Italian Portfolio per SonyAtv, che ha deciso di avventurarsi in una impresa a dir poco titanica, quella di trovare uno sbocco internazionale per la musica italiana.

E per questo motivo il discografico si è trasferito a New York e da li ha cominciano ad “imbastire” una tela di collaborazioni tra artisti e autori italiani e professionisti degli States.

Proprio per questo motivo e per il lavoro che Mancinelli sta facendo, lo scorso Maggio il discografico è stato anche premiato a Genova, ai FIM AWARD 2015, con il Premio Italia – Discografia Italiana Nel Mondo.

Come nella stessa intevista Mancinelli dice, l’idea che si sta portando avanti è quella di uno scambio “culturale” tra gli autori italiani e i professionisti americani, o per meglio specificare, un interscambio, in termini di “scrittura”, tra due mondi apparentemente distanti, che alla fine porta alla realizzazione di interessanti produzioni, molto tecniche da una parte, così come gli americani sono abituati a fare, e dall’altra parte molto curate nella melodia, così come invece gli italiani sanno fare.

Crediti Immagini Video : Fabio Russomando  per ansa.it

 

Nel corso del video si parla delle ultime collaborazioni e produzioni in corso, come quella tra il DJ e produttore italiano Stefano Fontana, in arte Stylophonic, e l’autore e produttore americano Rob Fusari, già vincitore di Grammy.

Si parla anche del nuovo singolo di Virginio Simonelli (di cui abbiamo parlato già in un precedente articolo), “Hercules” (cantato in inglese), nato proprio dall’idea di Mancinelli di far collaborare, nella scrittura, Simonelli con Jesse Harris, Dimitri Ehlirch, Andy Marvel (già collaboratori, tra le altre, di Norah Jones, Celine Dion e altri ), il tutto supervisionato e prodotto da un grande professionista come Corrado Rustici.
E quello che ne è venuto fuori è sotto gli occhi di tutti, un brano assolutamente di respiro internazionale, forte e diretto, ricco di mille sfumature, e tutto senza rinunciare all’eleganza compositiva, tipica dello stile autorale italiano.

E se questi sono i risultati, che ben venga, FINALMENTE, questa “alternativa”, necessaria e importante, per la musica italiana, e soprattutto per i giovani autori italiani.

Bravo a Roberto Mancinelli…grande stima per lui!

VIDEO:Virginio – Hercules
[youtube id=”EiZb8KEwn6g”]

Comments

LEAVE A REPLY