Home Recensioni Album “And I’ll scratch yours”…e Peter Gabriel regala alla musica un CAPOLAVORO!!!

“And I’ll scratch yours”…e Peter Gabriel regala alla musica un CAPOLAVORO!!!

138
0
SHARE

di Mela Giannini
“And I’ll scratch yours”
  non è altro che la  seconda parte di un progetto iniziato nel 2010 con “Scratch my back”, un progetto discografico dove Peter Gabriel reinterpretava brani di grandi artisti contemporanei, tra cui  David Bowie, Lou Reed, Neil Young, Radiohead.

Tutto quello che invece è stato fatto in questo nuovo lavoro discografico ,”And I’ll scratch yours“, è l’esatto  contrario del precedende, perchè in questo nuovo disco sono le canzoni di Peter Gabriel ad essere state reinterpretate dai suoi colleghi, nomi del calibro di Lou Reed, Brian Eno, Arcade Fire, Paul Simon e Regina Spektor.

Quello che ne è venuto fuori  da questo progetto artistico è qualcosa di straordinario e unico, musica e arte allo stato puro.

peter

Ma facciamo un piccolo passo indietro per meglio spiegare la genesi di questo progetto artistico “espresso” in due step differenti.

Nel 2010 Peter Gabriel  pubblicò un disco dal titolo “Scratch My Back”, una rivisitazione in forma sinfonica di cover di canzoni di suoi colleghi, artisti contemporanei.

Questo originale progetto, prodotto dallo stesso Peter Gabriel in collaborazione con  Bob Ezrin, che tra le altre fu ben accolto dal pubblico e dalla critica, prevedeva successivamente che gli stessi autori/colleghi delle canzoni cantate da Peter, restituissero il favore, interpretando, a loro volta, canzoni di Peter in un  disco in risposta ad “Scratch My Back”, ossia “And I’ll scratch yours”, la cui uscita era prevista anch’essa per il 2010, cosa che non fu poi possibile perchè alcuni di quegli artisti erano impegnati in altri progetti.

Ora, dopo tre anni, il cerchio si chiude ed “And I’ll scratch yours”  ha visto finalmente la luce.

David-Byrne-Lou-Reed-Peter-Gabriel

E’ inutile dire che alcune cover di questo disco sono assolutamente magnifiche e uniche, a partire da David Byrne, mente dei Talking Heads, che reinterpreta “I Don’t remember” con una eleganza che solo il suo particolare modo di cantare e la sua voce riescono a fare.

Che dire poi della cover di Lou Reed, alle prese con “Solsbury Hill“, interpretazione strepitosa fatta a modo suo, una graffiante ballata, grezza ed essenziale…un piccolo capolavoro.

Interessante anche la cover di Bon Iver che canta  “Come talk to me” alla sua maniera, come se fosse una sua canzone.

Il genio poi si “rivela” con Brian Eno, che rivisita e rivoluziona totalmente “Mother of violence“, facendola diventare un’opera artistica sperimentale da incorniciare e adulare.

Gli Arcade Fire invece,ripropongono  “A Games Without frontiers”  senza stravolgerla, eseguendo la canzone con lo stesso stile e stessi arrangiamenti della versione originale cantata da Peter Gabriel, stessa cosa che si riscontra anche in “Blood of Eden” ricantata da Regina Spektor.

Tocca poi a Joseph Artur mettere mano sulla canzone forse più popolare di Peter, “Shock the monkey” e la “ritmica” che era il pilastro portante della versione originale della canzone svanisce, lasciando il posto a sonorità psichedeliche, che affascinano e incantano. Bella cover davvero!

Tocca a Paul Simon “chiudere i giochi ” con “Biko”, reinterpretazione questa che mette in mostra tutta la maestria di un mostro sacro della musica contemporanea qual’è Paul, impeccabile come sempre.

34345_news_1

Per chi si chiede cos’è la MUSICA…bhè, la musica e tutto il suo significato, emotivo, creativo, idealista è qui, in questo disco che, per chi ama davvero la musica, non può che essere fonte di ispirazione.
In questo disco c’è un pezzo di storia contemporanea che vale la pena avere nella propria collezione di dischi…anzi, a dir il vero, è OBBLIGATORIO, se si ama davvero la musica…ma quella VERA!!!

gabriel

 

Tracklist di “And I’ll scratch yours”

1. I Don’t Remember – David Byrne
2. Come Talk to Me – Bon Iver
3. Blood of Eden – Regina Spektor
4. Not One of Us – Stephen Merritt
5. Shock the Monkey – Joseph Arthur
6. Big Time – Randy Newman
7. Games Without Frontiers – Arcade Fire
8. Mercy Street – Elbow
9. Mother of Violence – Brian Eno
10. Don’t Give Up – Feist feat. Timber Timbre
11. Solsbury Hill – Lou Reed
12. Biko – Paul Simon

 

 

Video Peter Gabriel – And I’ll Scratch Yours (Album Sampler)

[youtube id=”3kYbmTMbinQ”]

Comments