Home Recensione Concerti Baglioni & Morandi – I “Capitani Coraggiosi” insieme sullo stesso palco

Baglioni & Morandi – I “Capitani Coraggiosi” insieme sullo stesso palco

145
0
SHARE

La notizia è di poche ore fa ed è arrivata davvero inaspettata: Claudio Baglioni e Gianni Morandi insieme nel progetto Live “Capitani Coraggiosi“.

1964902_10153830853953438_3146192908178445520_n (1)

Claudio Baglioni e Gianni Morandi suoneranno nella stessa location, sullo stesso palco, allo Stadio del Tennis del Foro Italico di Roma,  addirittura per dieci date  il 10-11-12-14-15-17-18-18-21-22 Settembre.

Il progetto che prevede essere l’evento Live più importante dell’anno, è stato tenuto nascosto fino all’ultimo momento, e risulta studiato e organizzato e prodotto  nei minimi dettagli dallo staff promoter dell’  F&P Group,

La prevendita on line sara aperta il 28 Marzo su Ticketone (acquistabile anche direttamente dal banner di Ticketone sulla nostra Home Page) mentre i punti di vendita e le prevendite abituali apriranno lunedì 30 marzo .

Chi acquisterà il biglietto on line su Ticketone riceverà (fino a esaurimento disponibilità e in ogni caso entro e non oltre il 30 aprile 2015) la card “limited edition” ‪#‎baglionimorandilive‬, titolo di accesso valido per lo show. Ai titolari della card saranno riservati esclusivi vantaggi, sconti e convenzioni che saranno applicate direttamente dalle aziende e dai singoli esercenti commerciali che aderiranno.

E’ stato creato anche un apposito SITO sul quale si possono trovare tutti i dettagli dell’evento Live “Capitani Coraggiosi”
In questo sito sono riportate due frasi simboliche, ognuna di una artista.

ClaudioClaudio Baglioni:
Si dice sempre: prima o poi lo faremo.
Mentre si sa che non si farà mai.
Poi succede che si fa per davvero.
La musica è un gioco serio.
Farla insieme è un mestiere leggero.


MorandiGianni Morandi:
“Non si finisce mai di giocare, suonare, cantare.
Non si finisce mai di sognare un’avventura nuova.
Di cercare un posto dove dobbiamo ancora andare.”

Comments

LEAVE A REPLY