Home Classifica Dischi più venduti nel 2013, secondo #Billboard, in America. Mercato in calo!

Dischi più venduti nel 2013, secondo #Billboard, in America. Mercato in calo!

121
0
SHARE

Dischi più venduti nel 2013 secondo #Billboard (con dati Nielsen Soundscan ) in America, ma la discografia Americana segna una flessione in negativo per il 2013.

La Nielsen Soundscan ha pubblicato su Billboard i dati relative alle vendite discografiche in America nel 2013.

maxi logo
E’ sicuramente Justin Timberlake l’artista che ha più venduto in America il 2013, con la “prima parte” di un suo progetto artistico in essere,il “The 20/20 Experience Part One”, che ha totalizzato cifre da capovgiro in merito a copie vendute , ossia 2.43 milioni le copie.
Dopo di lui c’è Eminem, con The Marshall Mathers LP 2, con 1.73 milioni di copie vendute, e subito dopo troviamo l’artista country Luke Bryan con Crash My Party che ha venduto 1.52 milioni di copie.

Ma nonostante questi “numeri”, il “bilancio” per la discografia Americana non si è chiuso in “POSITIVO”! In generale il mercato discografico Americano è in sofferenza, secondo i dati Nielsen Soundscan , specialmente per il “segmento album”.
Il 2013, per la prima volta da un decennio, ha segnato un calo, anche se di poco, relativo alla vendita digitale degli album e parliamo di un 0,08% in meno rispetto all’anno precedente .
Ma a questo dato che sembra “apparentemente ” irrisorio, va aggiunta la percentuale relativa alle vendite “fisiche” degli album, che si aggira intorno ad una percentuale di 14% in meno , portando la percentuale GENERALE della vendita degli Album ad un ” meno 8,4% “.
Comunque, rimane di fatto che il mercato digitale ormai rappresenta il 41% dell’intero discografia, confermando così una crescita ancora inarrestabile, come da previsioni.

Nel 2013 il vero un settore in crescita è stato quello dei vinili, che se pur rappresentano solo il 2% dell’intero fatturato discografico, quest’anno ha registrato la miglior crescita dal 1991, facendo registrare un più 33% rispetto all’anno precedente.

Comments

LEAVE A REPLY