Home Recensione Concerti Laura Pausini:Recensione del Concerto-Evento “Stasera Laura. Ho creduto in un sogno”.

Laura Pausini:Recensione del Concerto-Evento “Stasera Laura. Ho creduto in un sogno”.

238
0
SHARE

di Jenny Eleuteria
Punteggio: 3 Stars (3 / 5)
Stasera Laura, Ho creduto in un sogno“…un titolo dall’impatto immediato e perfettamente capace di esprimere il senso di questo evento speciale che si è svolto domenica 18 maggio nell’incantevole cornice del Teatro antico di Taormina e trasmesso in prima serata martedì 20 maggio su RAI UNO.

X

Ebbene, io ho avuto l’onore di essere presente e vi assicuro che l’emozione si respirava nell’aria, era tangibile, e credo sia riduttivo parlare di un semplice concerto!

Laura Pausini, è la protagonista dello spettacolo, la regina dell’arena di Taormina per una sera, in questo prestigioso contesto ha indossato sia le vesti di conduttrice che quelli di cantante e interprete raffinata, non deludendo affatto le aspettative!

Fin dall’inizio si espone in prima persona, racconta se stessa, ma non si sofferma sugli straordinari successi artistici conseguiti in vent’anni di carriera, non accenna minimamente alla collezione di sold out sia in Italia che all’estero, neppure per un secondo si lascia attrarre dall’idea dell’autocelebrazione, no, non è questo lo scopo dello spettacolo! Se volessimo definire Laura, sicuramente dovremmo iniziare col dire che l’autocelebrazione e l’arroganza non fanno parte della sua personalità artistica ed umana.

Seguo e ammiro Laura da quando ero solo una bambina, pur non avendo mai avuto l’occasione di assistere a dei suoi Live, e vi posso dire, che è l’unica artista che ha accompagnato con la sua meravigliosa voce il mio percorso di vita, dall’infanzia fino alla tarda adolescenza, ovviamente, non ascolto solo lei, in questi ultimi anni se ne sono aggiunti tanti altri, ma la sua voce c’è stata da sempre, nei momenti brutti così come in quelli belli, e ho sempre ammirato il suo modo di essere così semplice e genuino.

Lau pippo

Domenica sera, su quel palco, non è salita solo la cantante ma la persona.
Lo spettacolo si apre con immagini rievocative, infatti, sulle mura del teatro antico vengono proiettate le pagine del diario che Laura custodiva da ragazzina, pagine che raccontano i pensieri e gli stati d’animo di un’adolescente come tante altre in cui molti potranno rispecchiarsi, e mostranno l’artista nel suo lato più umano, più semplice, più vero.
Di certo, da quelle pagine non emerge l’immagine di una ragazzina altezzosa e smaniosa di sfondare nel mondo della musica, bensì il ritratto di una ragazzina normale, lontana dalle luci dei riflettori.

Semplicemente Laura non “La Pausini”, la ragazzina romantica che piange e soffre dopo essere stata delusa dal suo primo amore, il famoso Marco a cui dedica il suo brano d’esordio “La solutudine”, che si prende una cotta per il suo cantante preferito, Raf, come capita a moltissime ragazze, e sogna di andare a un suo concerto e farsi notare. Finalmente sul palco di Taormina ha realizzato il sogno di duettare con il suo idolo sulle note di “Mi rubi l’anima”.
Racconta, inoltre, della nonna alla quale era tanto legata,  di essere astemia e di non aver mai marinato la scuola. Non ha paura di mostrarsi per quello che è ed è sempre stata: una donna semplice, che è rimasta se stessa nonostante le luci abbaglianti del mondo dello spettacolo.

laura-pausini-maxw-650

Su quel palco, c’era  Laura, un’artista semplice che scherza su stessa, ride col pubblico e invita sul palco le sue amiche ad esibirsi con lei sulle note di “Le cose che vivi” una canzone che parla, guarda caso, di amicizie indissolubili.

Ho trovato esilerante anche il siparietto comico con Paola Cortellesi, insieme alla quale si prende in giro, ironizzando sull’eccessivo entusiasmo di alcune madri che si esaltano a mettere in mostra i prodigi dei loro bimbi.

Su quel palco, ho visto un’artista padrona della scena, ma anche una donna umile che in fondo non ha fatto altro che credere nel proprio sogno e aiutare così il talento, un’artista che nonostante abbia alle spalle una carriera ventennale, non smette mai di ringraziare il suo pubblico, ma anzi, invita i suoi sostenitori a fare come lei, credere sempre nei propri sogni perché questa è l’unica via per realizzarli.

740x350xlaura-pausini6.jpg.pagespeed.ic.ndQ9xJiJ2z

Ma ovviamente, oltre ai ricordi e all’ intrattenimento, non sono mancati i momenti in cui la musica ha fatto da padrona.
Laura, infatti, ha regalato al suo vasto pubblico, delle straordinarie interpretazioni di quei brani che hanno segnato il suo percorso artistico e che raccontano la sua evoluzione, per esempio, La solitudine, brano d’esordio, Benvenuto, Strani amori, Se non te e Limpido, solo per citarne alcuni.

La grinta, il carisma, la passione per la musica, sono i tratti salienti della sua personalità artistica che immediatamente colpiscono chi l’ascolta.

10362618_876969538995157_1021263021_n

Buona parte dello spettacolo era incentrato sui duetti con gli ospiti, da Raf a Claudio Baglioni con cui si è esibita sulle note di “Avrai”, da Fiorella Mannoia, insieme alla quale ha cantato un brano conosciuto ormai in molte parti del mondo, un vero inno alla musica, ovvero “Io canto”, a Biagio Antonacci con cui ha cantato “Vivimi” .

biagio

Ed ancora, sulle note di “Con la musica alla radio” ha improvvisato una band di sole donne, composta da Paola Turci, Malika Ajane, L’aura, Syria, La Pina, Emma e Noemi, regalando un’esibizione dal sapore pop-rock che ha acceso il pubblico presente a Taormina.

Molto intenso il duetto con il giovane e talentuoso vincitore del festival di Sanremo 2013, Marco Mengoni, con cui ha cantato uno dei suoi più grandi successi, ossia “Primavera in anticipo”, un brano che ha reso celebre Laura, non solo in Italia ma anche all’estero, in particolare, in Spagna e nei paesi dell’America latina, una scelta quindi, non dettata dal caso, bensì, dalla volontà di dare la sua “benedizione” al giovane Marco, che si sta preparando a presentare il suo ultimo lavoro discografico “Pronto a correre” anche in Spagna.
I due hanno regalato al pubblico di Taormina un’interpretazione molto profonda e raffinata di un brano veramente bello, significativo e positivo, cantato metà in italiano e metà in spagnolo, arrivando così con grande naturalezza fino ai cuori della gente presente.

lau marco

Sono, sicuramente, degni di nota l’estensione vocale, il timbro originale, la presenza scenica e l’eleganza innata di Marco Mengoni che nonostante la giovane età ha mostrato non solo un’incredibile padronanza vocale ma anche indubbie qualità umane, quali raffinatezza e galanteria, che sicuramente non avranno conquistato solo le sue numerose fans ma anche la stessa Laura Pausini. Non è poi così frequente vedere un ragazzo così giovane inginocchiarsi davanti ad una donna, una grande cantante, per rivolgerle un tributo e persino farle il baciamano. Per un attimo ho creduto di trovarmi in una favola dove una regina riceve al proprio cospetto un principe che sicuramente diventerà un re e lo incorona.
Penso che questo ragazzo abbia le carte in regola per ottenere il successo che merita e magari una carriera come quella della regina Laura Pausini.

1743430_876967622328682_1276474738_n

Per chiudere, questa mia lunga, ma non monotona (spero) recensione, vorrei raccontarvi di un particolare non irrilevante di questo concerto, ovvero, la pioggia, che come già da giorni si temeva ha fatto irruzione su Taormina mentre il concerto era in pieno svolgimento, per esigenze sceniche i tecnici della Rai, da quanto ho capito, sono stati costretti a stringere i tempi e tagliare molte canzoni che difatti non sono andate in onda, dando spazio ai duetti con gli ospiti.
Al termine della registrazione dell’evento, quando anche l’orchestra ha  lasciato il palco poiché era pericoloso continuare a suonare in mezzo a quell’umidità, Laura ha deciso di continuare a cantare a cappella, sì, perché la gente ha pagato un biglietto per sentirla cantare e quindi non importava se era già bagnata fradicia, se rischiava di beccarsi un bel raffreddore, ma in quel momento contava solo lasciare contento il suo pubblico.

Ecco, credo si parli tanto di rispetto verso il pubblico, ma io solo adesso ho capito cosa sia veramente!
Il vero rispetto consiste nella capacità di regalarsi al pubblico senza riserve.
E il gesto di Laura è certamente la definizione più alta che si possa dare di questo termine.

Laura, sei una grande Artista, e hai fatto bene a credere nel tuo sogno!

10312465_896238617058539_2691910156514089019_n

PER RIVEDERE LO SPETTACOLO EVENTO DI LAURA SU RAI UNO #StaseraLaura QUESTO E’  IL LINK:
http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2014-05-20&ch=1&v=367023&vd=2014-05-20&vc=1#day=2014-05-20&ch=1&v=367023&vd=2014-05-20&vc=1

Comments

LEAVE A REPLY