Home News MORTO CLAUDIO ABBADO: ADDIO GRANDE MAESTRO “SOGNATORE”!!!

MORTO CLAUDIO ABBADO: ADDIO GRANDE MAESTRO “SOGNATORE”!!!

223
0
SHARE

È morto il MAESTRO Claudio Abbado, il grande rivoluzionario della musica classica contemporanea.

claudia_abbado_bach1

Aveva 80 anni,è morto a Bologna dopo una lunga malattia. e da poco era stato nominato Senatore a vita.
Era nato a Milano il 26 giugno 1933 ed era figlio di un insegnante di violino. Studiò al Conservatorio di Milano e nel 1955 si diplomò in pianoforte e direzione d’orchestra .
La sua carriera inizio già con un importante premio, quando conquistò il primo posto al concorso Koussevitsky a Tanglewood, nel Massachussets nel 1958 e questo gli permise di dirigere la New York Philarmonic.
Nel 1959 debuttò in Italia, a Trieste come direttore sinfonico. Il 1960 diventò direttore d’orchestra alla Scala di Milano.

ums_photos_02515

Nel corso della sua lunga carriera, piena di successi e riconoscimenti, fu un maestro sinfonico molto aperto alle novità nell’ambiente della musica classica, ambiente questo di solito molto conservatore e diffidente. Diresse anche la Wiener Philharmoniker, fu promotore dei “Concerti per studenti e lavoratori”, e guidò la London Symphony Orchestra.
E’ morto un “sognatore”, un grande uomo e un grande artista…RIP MAESTRO!

Articolo Mela Giannini

Questo era il Maestro ABBADO.
Il video di seguito, che parla di una grande esperienza artistica/sociale/beneficenza/culturale fatta da Abbado in Venezuela, ben fa capire chi era Claudio Abbado, l’anima, la sensibilità e il grande cuore del MAESTRO.

VIDEO/DOCUMENTARIO – Claudio Abbado-L’altra voce della Musica. In viaggio con Claudio Abbado tra Caracas e l’Avana:

Sono 240.000 i bambini, i giovani e meno giovani che studiano Musica in Venezuela grazie ad un sistema orchestrale inventato esattamente 30 anni fa dal Maestro Josè Antonio Abreu. Anche i meno fortunati, i più poveri, hanno la possibilità di combattere la violenza, la criminalità e la droga. Caracas è considerata la città più pericolosa del mondo Latino-americano. Un centinaio di morti ogni fine settimana. Le macchine hanno i vetri scuri per impedire ai male intenzionati di vedere chi sta viaggiando nell’auto e soprattutto quanti. Quando fa buio le auto non si fermano ai semafori rossi perché se ti fermi potresti trovarti con una pistola puntata. In alcune zone i tassisti si rifiutano di portarti. Ci sono zone dove nemmeno la Polizia vuole entrare.
E’ merito di Josè Antonio Abreu, Fondatore e Direttore del Sistema Orchestrale Nazionale, se oggi migliaia di giovani preferiscono imbracciare un Violino piuttosto che un’arma da fuoco.
(Fonte canale YouTube Andrea Schinardi)
[youtube id=”C0BFFqJOMoI”]

 

Comments

LEAVE A REPLY