Home News I Negramaro tornano a sorpresa con “Sei tu la mia città”

I Negramaro tornano a sorpresa con “Sei tu la mia città”

170
0
SHARE

di Kate Andora FONTE: FMDBlog – faremusic.it
I Negramaro sono tornati! A sorpresa, nella notte del 23 Aprile hanno pubblicato un video su YouTube nel quale annunciano l’uscita del nuovo singolo “Sei tu la mia città”.

negramaro-kfUE-U10403022313655GYC-700x394@LaStampa.it

Il singolo è in rotazione radiofonica da venerdì 24 Aprile,  ed è l’anticipazione del loro nuovo album, la cui data di pubblicazione però non è stata ancora resa nota.

Ciao Ragazzi, come state?
Bentrovati, anzi ovunque vi troviate, qualunque sia la vostra città, siamo tutti qui in una stanza per una sorpresa per voi.
Ci abbiamo messo un po’ di tempo però abbiamo preparato una cosa che non vedevamo l’ora di farvi sentire ed oggi qui vi diamo un’anteprima, in questa stanza, tutti i Negramaro, tutti insieme, per voi, il nostro nuovo singolo da domani praticamente in tutte le radio“. Con queste parole il gruppo annuncia l’uscita del brano, 4 minuti e 15 di elettro-rock in puro stile Negramaro, con la voce di Giuliano come sempre in grande spolvero.

Il testo è complesso, mai banale, ed il ritmo coinvolgente. Insomma un ghiotto preludio alla pubblicazione della nuova fatica della band salentina attesa dai fan ormai da tempo, considerato che l’ultimo album completamente di inediti risale ormai al lontano 2010, con il fortunatissimo Casa 69, seguito nel 2012 dalla raccolta dei loro maggiori successi,Una storia semplice (all’interno del quale vennero inseriti comunque ben sei brani inediti).

In attesa di sapere quando verrà pubblicato l’intero album, vi proponiamo il testo  per godervi al meglio questo antipasto che sicuramente sarà in grado di ingolosire anche i palati più raffinati!

11156286_10155458392300099_591854302538192445_n

SEI TU LA MIA CITTA’-TESTO
la strada si aggroviglia nei tuoi capelli
i lampioni che esplodono come fanali nei tuoi occhi
hai il cuore che sa di asfalto e di preghiere
e le macchine che attraversano senza più guardare
e sciogliti i capelli nel fango solo se ci riesci
riallacciami i tuoi dubbi alle scarpe
se poi tu non mi credi
se non mi credi
il cielo lo reggono ancora i miei difetti
le mani si incastrano e formano grattacieli
le scuse attaccale bene così non cadi
le unghie affilate resistono tagliando i vetri
e asciugami i pensieri col fiato degli ultimi alberi
accendimi di notte le insegne dei più bei ricordi
concedimi la pace e i treni senza più rimorchi
e puntami negli occhi come un tram a fari spenti
investimi di luce se non mi vedi ancora in piedi
sei tu la mia città
sei tu la mia città
che mi spaventa quando è sera
e mi addormenta la mattina
e mi ricorda di esser tanti
uno solo in mezzo a tanti
quando hai voglia di sentire
addosso il brivido degli altri
perché tu sei la città
sei tu la mia città
le case che aprono le gambe agli sconosciuti
e le chiese sono bocche di donne con i fucili appesi
le fabbriche sono vecchi indiani che fanno segni
il fumo porta via con se gli ultimi avanzi
nascondimi dagli altri son troppo comodi i tuoi denti
e sputami poi fuori quando stenderai i tuoi panni
e lavami nel fiume se vorrai ancora indossarmi
e rimboccami le maniche quando pioverà dai muri
e soffiami sul mondo come quasi fossi vento
sei tu la mia città
sei tu la mia città
che mi spaventa quando è sera
e mi addormenta la mattina
e mi ricorda di esser tanti
uno solo in mezzo a tanti
quando hai voglia di sentire
addosso il brivido degli altri
perché tu sei la città
sei tu la mia città
che si colora quando è sera
mentre i vicoli sono neri
e ti ricordi solo allora della tua vera natura
ed hai bisogno un po’ di me
per sentirti meno sola
per sentirti una città
che resta sempre ancora accesa
sei tu la mia città
sei tu la mia città
che mi spaventa quando è sera
e mi addormenta la mattina
e mi ricorda di esser tanti
uno solo in mezzo a tanti
quando hai voglia di sentire
addosso il brivido degli altri
perché tu sei la città
sei sempre e solo la città
che si colora quando è sera
mentre i vicoli sono neri
e ti ricordi solo allora della tua vera natura
e hai bisogno un po’ di me
per sentirti meno sola
per sentirti una città
che resta sempre ancora accesa
sei tu la mia città
sei tu la mia città
sei tu la mia città

.
Negramaro – Sei Tu La Mia Città (anteprima)
[youtube id=”EWMQ_2lYVkU”]

 

Comments

LEAVE A REPLY