Home Recensione Concerti Recensione concerto di Peter Gabriel a Bologna il 21 Novembre

Recensione concerto di Peter Gabriel a Bologna il 21 Novembre

369
0
SHARE

di Sandra von Borries
Punteggio: 5 Stars (5 / 5)
Può forse una fan dei Genesis e di Peter Gabriel mancare a uno dei due concerti del Back to Front Tour in Italia, che festeggia i 25 anni dell’album “So”? No, ovviamente!


Peter-Gabriel-performing-on-his-Back-To-Front-Tour-at-The-Palace-of-Auburn-Hills-MI-on-September-26th-2012-Photo-by-Marc-Nader-0205

E così parto per Bologna il 21 di novembre, al mio fianco la stessa amica che era con me nell’87 al concerto di Peter Gabriel a Firenze.
Arriviamo a Casalecchio di Reno e la prima cosa che noto è che siamo gli stessi “ragazzi” di allora, solo che adesso abbiamo 40 o 50 anni.
Mi sento a casa.

L’Arena Unipol è pienissima. Il concerto è suddiviso in 3 parti: la prima acustica, la seconda elettronica, la terza che ripercorre i brani dell’album “So”. Già al secondo brano, Come talk to me, la gente si comincia a scaldare e cresce la consapevolezza che abbiamo la grande e rara opportunità di rivivere le stesse emozioni che credevamo rimaste là, in quell’indimentabile concerto e nei nostri vent’anni.

peter-gabriel-foto-concerto-bologna-21-novembre-2014-2

Vedere arrivare Tony Levin con il suo basso o Manu Katché che si siede alla batteria con il suo sorriso da eterno fanciullo, sentire le chitarre di David Rhodes e le tastiere di David Sancious, proprio come allora, sono davvero emozioni fortissime.
Grandissimi musicisti, forse gli unici che potevano creare l’atmosfera giusta in questo tour. E che ancora una volta si divertono e ci fanno divertire ballando con Peter in Solsbury Hill e In your eyes.

Il terzo brano, Shock the monkey, fa scoppiare di gioia l’arena, mentre Family Snapshot, inaspettata e meravigliosa, lascia tutti in religioso silenzio durante la splendida introduzione di solo pianoforte e voce.
La voce di Peter Gabriel, se forse talvolta non raggiunge in altezza le note di un tempo, ha sempre la stessa calda intensità e quel timbro unico e inconfondibile, che arriva a toccare l’anima.

7

La scenografia è pazzesca e diversa per ogni brano, come è sempre stato in ogni suo concerto. Cinque lunghe braccia metalliche si muovono sul palco e sorreggono ognuna 3 fari e una telecamera. Vengono spostate per creare atmosfere diverse, per riprendere da prospettive strane, spesso improbabili, lui e i musicisti e proiettando tutto su tre grandi schermi alle loro spalle.

nostra2

In No Self Control scendono bruscamente verso Peter, aggredendolo da ogni parte e lui le schiva in una lotta che pare una danza; nella meravigliosa Mercy Street, canta disteso, mentre le braccia meccaniche lo riprendono dall’alto.
Al bis, inaspettatamente, un cilindro di tessuto bianco cade dall’alto intorno a Peter Gabriel e lo avvolge completamente, risucchiandolo.

x

Ogni brano ha le sue luci e le sue atmosfere, sempre particolari e bellissime.
Un momento particolare e intenso ci viene regalato con Don’t give up, dove la voce femminile di Kate Bush è degnamente sostituita da una delle due bravissime giovani coriste svedesi che accompagnano questo tour.

Il finale non delude con Biko, che viene dedicata dal cantante ai 43 ragazzi messicani barbaramente trucidati in Messico. Il pubblico canta Biko con Peter, i pugni si alzano in alto e lui, dopo aver girato il microfono verso la gente, lentamente si allontana. I musicisti se ne vanno uno dopo l’altro fino a lasciare il coro del pubblico accompagnato solo dalla batteria del fantastico Manu Katché.

5

Continuiamo a cantare, consapevoli di aver vissuto un’emozione che difficilmente riusciremo a raccontare con la stessa intensità, ma che di certo non dimenticheremo.
Mentre usciamo, scruto le persone intorno a me: i ragazzi di allora hanno forse i capelli piú grigi e qualche solco sul viso, ma la luce negli occhi e i sorrisi sono immutati. É questa la magia della musica.

10659400_10205160361719591_6515859557835039917_n - Copy

Questa la scaletta completa.

Daddy long legs
Come Talk To Me
Shock The Monkey
Family Snapshot
Digging In The Dirt
Secret World
The Family And The Fishing Net
No Self Control
Solsbury Hill
Why Don’t You Show Yourself?
Red Rain
Sledgehammer
Don’t Give Up
That Voice Again
Mercy Street
Big Time
We Do What We’re Told (Milgram’s 37)
This Is The Picture (Excellent Birds)
In Your Eyes
The Tower That Ate People
Biko

 

Video- Peter Gabriel -Bologna-Novembre 2014 (small cut)
(Si ringrazia il canale Massimo Liverani)
[youtube id=”DnzgOxg0c3o”]

 

Video-Peter Gabriel “Don’t Give Up” – Bologna Novembre 2014
(Si ringrazia il canale Paolo Giorgio)
[youtube id=”nnHzSTBlD88″]

Video-Peter Gabriel “Biko” – Bologna Novembre 2014
(Si ringrazia il canale Paolo Giorgio)
[youtube id=”Out6y8_DC6c”]

 

 

 

 

Comments

LEAVE A REPLY