Home Musica SETTIMO LIVE SHOW & SEMIFINALE DELLA 9na EDIZIONE DI X FACTOR...

SETTIMO LIVE SHOW & SEMIFINALE DELLA 9na EDIZIONE DI X FACTOR ITALIA

653
0
SHARE

di Mela Giannini

Ed è andata in onda, su Sky Uno HD, la semifinale della nona edizione di X Factor Italia, serata in cui sono stati presentati gli inediti e in cui sono stati eliminati i Moseek.
Ma andiamo per gradi.

Cominciamo con il dire che la serata si è aperta con l’ospitata del vincitore dell’edizione precedente di X Factor, Lorenzo Fragola, che ha “celebrato” il suo primo anno dopo la vittoria al talent, l’anno scorso, un anno in cui è successo di tutto, da un album di successo, tour e la partecipazione allo scorso Sanremo. Fragola ha cantato alcune sue canzoni dal suo album di esordio, insieme ai concorrenti di quest’anno, alternandosi con essi in una sorta di passaggio di consegne. Momento godibile della serata.

Subito dopo la serata è entrata nel vivo, perchè i ragazzi hanno presentato gli inediti.

12341115_1095546023797057_815616018515190291_n

Cominciamo con il dire che su cinque inediti ben quattro sono stati cantati in inglese. Solo Giosada ha cantato, una sua canzone, in italiano, con testo “rivisitato” dal bravissimo Pacifico, e il risultato è stato evidente, perchè quando un grande autore ci mette le mani, non possono che essere positivi i risultati.

I Moseek hanno messo in scena più un “esercizio di stile” che un inedito. Il brano, scritto dalla cantante del gruppo, Elisa, è certamente molto in linea con la loro cifra artistica e non farebbe una grinza se fosse stato concepito e prodotto al di fuori di un contesto come quello di un talent televisivo. La canzone ha un mood elettronico che richiamano alla mente sonorità scandinave degli anni che furono di Björk.

12341158_1095537997131193_2107212132765696759_n

Stesso discorso, in riferimento ovviamente al loro genere, vale per gli Urban Strangers, che hanno presentato un inedito che ha vestito aderente le loro “caratteristiche artistiche” viste fin qui, senza nulla aggiungere e nulla togliere a quello che già i due avevano fatto sentire, imperfezioni stilistiche comprese, puntata dopo puntata.
Certo, due inediti quest’ultimi che “vorrebbero”, nelle intenzioni, trovare uno sfogo oltre Alpi, brani che potrebbero sembrare “originali” se si considera l’attuale mainstream della musica italiana. Ma in realtà, se si oltrepassa i confini italiani, un passo dopo, le cose sentite questa sera sono realtà sentite e risentite, già da un bel po’, altrove.

12289698_1095561760462150_7157006903982425640_n

Brutto davvero, invece, l’inedito di Enrica, che si è dovuta sorbire una delle peggiori canzoni mai scritte da Skin, canzone che poteva essere “portata a casa” solo se cantata dalla stessa Skin e dalla potenza della sua voce. E in effetti Enrica paga dazio e va in ballottaggio con i Moseek. Solo l’ennesimo brano scelto da lei, perfetto per la sua voce, le rende giustizia e la salva ancora dall’ennesimo ballottaggio.

Delude anche Davide Sciortino, che porta un brano di difficile comprensione, fatto di tanti stili e tanti “VORREI MA NON POSSO”. Una sorta di minestrone che, per quanto mostri le migliori intenzioni, lascia comunque perplessi. Gli autori del brano sono certamente di rilievo, Luca Chiaravalli e Chanty, ma l’insieme sembra non trovare una giusta armonia, lasciando spazio, invece, alla sensazione che il tutto sia pervaso da una sorta di artificiosa forzatura.

12342600_1095581503793509_318762163342071571_n

In definitiva, il livello degli inediti indubbiamente non eccelle, eccezion fatta, forse, per la canzone di Giosada.

Tra la prima manche e la seconda si è esibito sul palco, suonando all’inizio un pianoforte a coda, Marco Mengoni, che ha cantato il primo singolo, “Ti ho voluto bene veramente”, del nuovo album, “Le cose che non ho”, in uscita domani 4 Dicembre.

La seconda manche è stata ad appannaggio di cover “radiofoniche”, e per l’occasione il quinto giudice seduto al banco è stato Linus, padron di Radio DeeJay.
Questa parte della puntata è trascorsa senza lode e senza gloria. Unici elementi messi in mostra, e degni di nota, sono state le trovate scenografiche, a volte troppo ardite, di Luca Tommassini. Per il resto, niente di trascendentale, come del resto è stata tutta la serata.

E alla fine per fortuna che c’è sempre Mara, questa sera nell’ottima compagnia di una partner degna, Geppi Cucciari, un duo che fa faville.

Si consiglia alla produzione di prendere seriamente in considerazione il fatto di far lavorare le due insieme nel prossimo X Factor.

Per il resto attendiamo la finale la prossima settimana…e nel frattempo vengano aperte le scommesse sul vincitore di questa nona edizione del talent.


Comments