Home News Si chiama “Lasciami Entrare” il nuovo Album di Valerio Scanu.

Si chiama “Lasciami Entrare” il nuovo Album di Valerio Scanu.

425
7
SHARE

Articolo di Mela Giannini
E si chiama #LasciamiEntrare il nuovo e  quinto Album in studio di Valerio Scanu e il primo autoprodotto.
C_4_articolo_2022256__ImageGallery__imageGalleryItem_1_image

Il titolo dell’Album è “Lasciami entrare” e la Tracklist è composta da 11 tracce (9 canzoni in Italiano e 2 canzoni in Inglese)+ 1 traccia di una canzone già nell’album, ma in versione Acustica (Bonus Track).

 

scanu lasciami entrareLa Tracklist con allegati gli “Autori” è la seguente:

Sui nostri passi : Scanu-Mattioni-Cianchi
Come fanno le stelle: F. Fratoni (Federica Camba)- D. Coro
Parole di cristallo: Scanu-Rossi-Paciotti
Lasciami entrare: Scanu-Paciotti
Per noi: Scanu-M. Tommasi- Paciotti
Ancora per me: Scanu – Paciotti
-Alone:W. O. Knight-Mattioni
Un giorno in più: Scanu-Amati-Olari
-Vorrei dirtelo: Scanu-Bussoletti-Paciotti
-Sometimes love: W. O. Knight-Turco-Serafino
-Dormi: Scanu-Canale-Di Benedetto
Parole di cristallo (Acustic) (Bonus Track)

Edizioni:Emi Music Publishing Italia – Startup di Luca Mattioni-Warner Chappell Music Italiana – NatyLoveYou Srl

 

 

Per acquistare l’album “Lasciami Entrare” in digital download su iTunes, questo è il link: https://itunes.apple.com/it/album/lasciami-entrare/id794404671

L’album “Lasciami Entrare” è disponibile anche su Spotify  su questo Link: https://play.spotify.com/album/73udu6IXnkFaXbbh2q7Jj3

Il 1mo giorno di   Preorder l’album si è subito posizionato 1mo posto su iTunes.
Il 28 Gennaio, appena uscito in digital store  su iTune si piazza subito al 1mo posto

1016390_10202873025576030_992287753_n

76257_10202907587641665_1935412654_n

Come si evince dalla Tracklist, ci sono diversi autori e coautori in questo nuovo Album oltre allo stesso Valerio Scanu.
C’è  Luca Mattioni , tra le altre brillante arrangiatore e produttore dell’album, produttore cha aveva già lavorato in passato con Valerio.
C’è anche un’altra vecchia conoscenza di Scanu, l’autore di molti suoi successi degli anni passati, il bravissimo Mario Cianchi (coautore allora con lo stesso Mattioni), c’è Davide Rossi (figlio di Vasco Rossi ), Silvia Olari sua amica e collega di Amici 8, Andrea Amati, Federico Paciotti, Mirko Tommasi, Daniele Coro e Federica Camba (che in questo disco si firma con il suo vero cognome, ossia Fratoni),  Luca Bussoletti, William Knight .

Gli arrangiamenti e la produzione artistica, come già detto, è stata affidata a Luca Mattioni insieme a due mastering engineer d’eccezione, Matt Howe che ha mixato l’album a Londra e Chris Gehringer che ha masterizzato lo stesso a New York .
Alla produzione, accanto a Luca Mattioni hanno lavorato  anche Alessandro Gengy, Di Guglielmo, Francesco Ambrosini.

Musicisti che hanno suonato in questo Album sono  musicisti come Fabio Gurian, Silvio Masanotti, Luca Visigalli, La Maghè Paolo, Brera, Steph Risole

La produzione esecutiva è della NatyLoveYou, etichetta indipendente di proprietà dello stesso Valerio Scanu e la distribuzione è stata affidata alla ” Self ” (per il  digitale a Digital Believe).

2

La sensazione che si ha, a primo ascolto, è che il primo obiettivo in questo nuovo progetto  discografico è quello di rendere più “contemporanea” l’immagine artistica e il Sound di Valerio Scanu, dandogli una collocazione nel mercato che in passato non era ben definita.

Lo aveva già preannunciato lo stesso Scanu che sarebbe stato un lavoro “Elettro-pop”  e in effetti la presenza dei Synth nella produzione è predominante , a parte qualche episodio come ad esempio la traccia “Sometimes love” canzone Blues/Gospel e alla ballata “Dormi”, con molte canzoni che ben  si prestano alla radiofonicità e ad  eventuali remix.
Tra tutte spicca una canzone davvero “superlativa” nel testo, nella melodia, nella produzione e nell’interpretazione, ed è
“Parole di Cristallo”, sia nella sua versione standard che nella versione Acustic.

1510396_10151839065212015_39464810_n

Lo stesso Valerio,  racconta il nuovo disco, canzone dopo canzone, in questo modo:

“Sui nostri passi”: nella vita a tutti capita di ripensare al passato, di ripensare a come sarebbe andata se ci fossimo comportati diversamente o cosa sarebbe successo se avessimo preso un’altra via, un’altra decisione.
“Come fanno le stelle”: nella girandola di una vita che tutto cambia e tutto rivoluziona, gli uomini si fermano a guardare. Così come le stelle, essi aspettano, dondolandosi sull’altalena della mente e del cuore.
“Parole di cristallo”: liberarsi, senza rimpianti, dalle fredde catene di un’ossessione. Note dolci e soavi si scontrano con la durezza delle parole.
“Lasciami entrare”: un ritmo accattivante ed originale, segna l’ingresso nel mondo dell’ electro-pop. Il testo snocciola il tema della conquista amorosa, attraverso la sensuale e convincente metafora del gioco d’azzardo.
“Per noi”: come le lancette di un orologio, le parole del brano scandiscono il tempo imperituro di un amore appassionato, nonostante le paure di un domani che verrà.
“Ancora per me”: un viaggio introspettivo in simbiosi con il paesaggio circostante fa da apripista ad una richiesta d’amore incontenibile, nel brano più intimo del disco.
“Alone”: da una storia finita male, malinconia e rabbia si alternano, tra strofe e ritornelli, dove trionfa il soul nella sua espressione più pura.
“Un giorno in più”: musica e parole tratteggiano ricordi struggenti che, in un crescendo vocale, travalicano un destino fin troppo crudele….
“Vorrei dirtelo”: un refrain incalzante confessa le ferite di un legame capace di restare saldo solo quando si riconoscono i propri errori…dietro alle nuvole, il sole.
“Sometimes love”: sonorità black ‘n soul si fondono nel pezzo più internazionale dell’album. La visione disincantata di quel grande sentimento che, a volte, non riesce ad essere abbastanza.
“Dormi”: brano dal sapore dolceamaro che chiude il cd. Una ballad intessuta di sentimenti contrastanti, desiderati e vissuti nella dimensione onirica.

044023945-33ae882f-e4d6-4fdf-bb7d-91cff28d7341

 

 

 

Inoltre, dal 23 Gennaio fino al 27 Gennaio, il nuovo Album di Valerio lo si può ascoltare in anteprima sulla piattaforma digitale di “Cubo Musica” al seguente Link: http://www.cubomusica.it/www/album?id=5124052

cubo

 

 

Ricordiamo che questi giorni Valerio Scanu è stato protagonista di due interviste “fuori dai denti”, l’intervista su “La Repubblica”
(Link dell’intervista di Carlo Moretti su “La Repubblica” dal titolo “Dopo il talent, si spegne la tv e finisce l’illusione del successo. Il caso Scanu: http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2014/01/16/news/dopo_il_talent_si_spegne_la_tv_e_finisce_l_illusione_del_successo-76054708/?ref=fbpr ) e soprattutto l’intervista esclusiva al Portale “Tiscali”, portale che tra le altre ha ospitato l’anteprima del nuovo Video, Sui Nostri Passi.

1616306_10202352285361304_1657933920_n

1615048_10202352291281452_888706490_n1620281_10202352251520458_240211850_n

Le due interviste hanno fatto molto discutere, perchè Valerio Scanu, con una sorta di “atto d’accusa”, ha confermato una situazione già nota a molti in quest’era dell’avvento dei Talent, in cui le Major usano, sfruttano e poi gettano via i “talenti”, senza interessarsi della “crescita artistica” degli stessi giovani artisti che mettono sotto contratto, investendo su di loro il minimo sindacale,  sfruttando di fatto l’onda di popolarità frutto della visibilità che offrono i talent e i “Fandom” che velocemente vanno a formarsi intorno ai ragazzi che prendono parte agli stessi talent.
Da quest’atto d’accusa Scanu “assolve” però i TALENT e nel suo caso”AMICI” di  Maria De Filippi, che dice che quest’ultima avrebbe comunque continuato a “supportarlo promozionalmente” se la sua casa discografica, la EMI (da Scanu accusata di “esterofilia”), avesse tenuto fede ad accordi presi in precedenza con la produzione (La Fascino) della stessa Maria De Filippi.

fgjfjghf

Riportiamo di seguito l’intervista di Cinzia Marongiu per  Tiscali.it, intervista che riteniamo molto interessante, anche perchè  in questa, lo stesso Scanu, sembra anche mettersi in discussione, facendo un “Mea culpa” per la terra bruciata creatasi attorno al suo personaggio anche a causa del suo “Carattere” poco diplomatico e impulsivo, atteggiamento che in passato lo ha penalizzato specie nei confronti dei media .

Intervista su TISCALI :
(Link: http://spettacoli.tiscali.it/articoli/musica/14/01/17/valerio-scanu-intervista-mea-culpa.html )

Valerio Scanu: “Terra bruciata intorno a me: colpa del mio carattere.

Ripartire dopo uno stop è molto più difficile che iniziare da zero. Perché non puoi giocare più sul fattore sorpresa, hai qualcosa da perdere, sei vittima di confronti con il “te stesso” che eri e magari di pregiudizi che nel tempo hai contribuito a erigere contro la tua immagine pubblica. Valerio Scanu si trova più o meno a questo punto e a soli 23 anni se ne esce con frasi del genere: “Arrivato a un certo punto non ho più niente da perdere. Nel disco che sta per uscire ho investito tutto me stesso e tutti i miei soldi: non ho più una lira”. Nonostante la giovanissima età, il talento scoperto da Maria De Filippi nella sua premiata fucina di Amici e consacrato a Sanremo nel 2010 con un’unica partecipazione premiata immediatamente dalla vittoria a furor di televoto, viene da un periodo difficile, culminato con l’addio alla casa discografica, la Emi, e con la scelta di autoprodursi. “Non mi sentivo supportato, non credevano in me”, denuncia e poi, per la prima volta, fa un clamoroso mea culpa: “Ho molte responsabilità nella terra bruciata che si è fatta intorno a me. Colpa del mio carattere”.

C_4_articolo_2022256__ImageGallery__imageGalleryItem_5_image (1)

Che cosa è successo?
“Il 7 gennaio è uscito il mio nuovo singolo Sui nostri passi ma le radio nazionali non lo passano. Se non fosse per quelle locali avrei già dovuto chiudere i battenti”.
Perché questo ostracismo nei tuoi confronti?
“Colpa del mio carattere e dei miei comportamenti del passato. Il fatto è che ho un carattere trasparente, puntiglioso e non abbasso mai la testa per dire “sì, signore”. E così a volte sono stato visto come un arrogante e un presuntuoso. Ora devo ricostruire tantissimi rapporti, a cominciare da quello con i media. E non è facile, perché un conto è costruire, un altro è ricostruire sulle macerie. Stavolta mi gioco tutto”.
Ti riferisci al nuovo disco, il primo senza la Emi alle spalle?
“Ho investito personalmente nel mio nuovo percorso artistico e mi sono autoprodotto l’album. Ora non ho più una lira. Spero nel riscontro del pubblico”.
Fare un mea culpa non è così frequente. Come pensi di correggere il tiro?
“Cercherò di smussare il mio carattere. Ma di sicuro non rinuncerò a far valere le mie opinioni. Sono sempre stato un paladino della giustizia e della coerenza e non ho nessuna intenzione di cambiare questo aspetto del mio carattere. Più che altro cercherò di essere più diplomatico nell’esprimermi e di usare toni differenti”.
Hai pensato di tornare in seno alla grande famiglia di Amici? La nuova formula del programma, con i coach per le squadre di concorrenti, lo permetterebbe.
“Non sono io a stabilirlo. Certo, non mi dispiacerebbe, anche se non mi sento un insegnante. Posso mettere al servizio la mia esperienza e i quattro anni di concerti live. Ma non ho nessuna specializzazione a livello tecnico”.
Parliamo del tuo addio alla Emi. Com’è andata?
“Per andarmene ho dovuto pagare, perché sono andato via prima dell’ultima prelazione che aveva la casa discografica”.
Cosa era successo?
“Le scelte artistiche non erano fatte con criterio. Volevano farmi cantare pezzi di cui possedevano le edizioni. L’idea era che siccome avevo uno zoccolo duro di fan, qualsiasi cosa avessi cantato, perfino “ambarabaciccicocò”, sarebbe andata bene. Ma per me era diverso. Io volevo ampliare il raggio della mia fan page e cantare pezzi che davvero mi rispecchiassero. Così ho deciso di prendere in mano la mia vita artistica e di non delegare più agli altri. Scelgo da me, anche se interpello e ascolto diverse persone e collaboratori competenti”.
Questo trattamento era riservato solo a te o è diffuso?
“È un trattamento che subiscono il 90% dei ragazzi che come me escono da un talent show. In pratica, si investe davvero al massimo su uno all’anno. Per gli altri lo si fa “tanto per”, senza convinzione e senza rendersi conto che diventa controproducente. Nella mia stessa etichetta ci sono Vasco Rossi e Tiziano Ferro. Ma in realtà nella casa discografica erano molto esterofili. Ogni volta che andavo nei loro uffici si respirava questa diffusa esterofilia. E io alla fine ho sbroccato: non c’era comunicazione nemmeno tra di loro. Il fatto è che il mio manager e la mia casa discografica coincidevano, in un assurdo conflitto di interessi. Se io avevo un problema con la mia casa discografica, chi si occupava di me? Sarebbe come se io e mia moglie divorziassimo e io fossi l’avvocato di mia moglie”.
Perché la stessa sorte non è toccata ad altri artisti usciti dai talent, come Emma Marrone, Alessandra Amoroso, Marco Mengoni?
“Nel caso di Alessandra, ad esempio, c’è dietro una casa discografica che crede in lei. E anche Maria”.
Intendi la De Filippi?
“Certo, e anch’io avrei potuto avere l’appoggio di Maria e della sua struttura produttiva se ci fosse stata comunicazione tra lei e la casa discografica. Ma il problema è che a un certo punto i rapporti si sono rotti perché la casa discografica non teneva mai conto di ciò che si era già deciso in precedenza. Così Maria ha alzato le mani e si è messa da parte”.
Hai pensato di proporre il tuo nuovo progetto artistico al Festival di Sanremo?
“Sì e ne ho parlato con alcune major. Ma mi hanno fatto cadere ogni entusiasmo. Mi hanno fatto credere che tutto fosse già stato deciso, che non ci fosse possibilità”.
Non potevi contattare direttamente Fabio Fazio e i suoi collaboratori?
“È la prima volta che lavoro come indipendente. Non so ancora bene come funziona. Credo che per affrontare Sanremo debba essere più corazzato. Peccato perché avevo due pezzi adatti”.
1525041_10151839592857015_766110594_n
I prossimi appuntamenti  -“INStore”:
27 gennaio TORINO ore 17 Mondadori Multicenter
28 gennaio MILANO ore 17 Mondadori Multicenter
29 gennaio ROMA ore 17 Discoteche Laziali
31 gennaio NOLA ore 17 Mondadori C.C. Vulcano Buono
2 febbraio BOLOGNA ore 17 Mondadori Multicenter

 

 

 

1

Prossimi Appuntamenti Promozionali:

Drag In Talent: 2 Febbraio, alle 21.30 su Italia 1, Valerio sarà giudice  della 1ma puntata del nuovo programma di Platinette.
Occupy Deejay: 28 gennaio alle 15.30, Canale 9 del digitale terrestre e in streaming su www.deejaytv.it
Insieme su Antenna Sicilia :12 febbraio  alle 21, dal Teatro ABC di Catania, ospite di Salvo La Rosa.
– Roxy Bar di Red Ronnie: Ospite il 2 febbraio .
La Vita In Diretta con Paola Perego su Rai1 ore 15.30

Il fotografo responsabile dello shooting fotografico dell’album è il noto  fotografo Alessio Pizzicanella.

Nel frattempo è uscito su YouTube, sul canale Ufficiale di Valerio Scanu, il Video “Su iNostr Passi” , 1mo estratto del nuovo Album “Fammi Entrare”.

Questa è un’immagine che riprende tutto lo staff che ha partecipato alla realizzazione del Video, e al centro, sulla sinistra di Valerio, l’esordiente Dalila Miggiano che ha “diretto” lo stesso.

1521778_661809680549904_487396650_n

 

 

 

 

 

VIDEO UFFICIALE-SUI NOSTRI PASSI-VALERIO SCANU
La regia del video è stata curata dall’esordiente Dalila Miggiano e prodotto dalla NatyLoveYou.
[youtube id=”iV5lhcK5YBc&feature=youtu.be”]

Backstage della realizzazione del Video “Sui nostri passi”, nel Vblog13 del canale YouTube ufficiale di Valerio Scanu
[youtube id=”WeBnHK8FgKg”]

Comments

7 COMMENTS

  1. Chiaro ed esaustivo, un ritratto di Valerio sincero che mette in evidenza l’ingiusto trattamento subito e il grande coraggio di voler prendere in mano la sua vita artistica con la coerenza e la professionalità che l’ha sempre contraddistinto. Che abbia commesso degli errori è possibile data la sua giovane età ma non credo che la colpa dei rapporti con i media sia sua, è stato attaccato per anni da tutti, conduttori, giornalisti, critici e chi più ne ha più ne metta e questo senza che la CD alzasse un dito in sua difesa. Grande stima per Valerio che ha mostrato di avere oltre a una grande passione un coraggio e una grinta incredibile. Lo seguo e lo seguirò e questo suo nuovo lavoro è davvero eccezionale! Grazie per l’articolo!

  2. ma guarda chi ce……quella che di valerio no cene frega niente ma e sempre dove si parla di lui……lui no e santo ma tu sei una vipera…..amiche come te meglio alla larga

  3. Che dire.. dopo aver ascoltato le anteprime dei brani di “Lasciami Entrare” su ITunes si preannuncia già un capolavoro di musica, testi e arrangiamenti, il tutto completato dalla magnifica e potente voce di Valerio. Non vedo l’ora di avere il suo nuovo album tra le mani per poterlo ascoltare interamente!
    Complimenti per l’articolo, davvero ben curato!

  4. Rosa, vedo che non hai ancora imparato a scrivere, stai pure alla larga, ma chi ti ha mai considerata, figuriamoci amica. Intanto sei pregata di non offendere, perché potrei farti nera, non lo faccio per rispetto a chi ha scritto l’articolo che tu hai sicuramente criticato, proprio come il tuo idolo che l’ha definita elemento pericoloso!

  5. Stavo pensando che le persone come te farebbero meglio a non commentare. In primis recate solo danno, in secundis vi rivelate nella vostra ignoranza e gli fate fare una pessima figura. Non è meglio tacere? Anche perché mi conosci forse? Maleducata!

  6. Cool sites

    […]we came across a cool site that you might enjoy. Take a look if you want[…]…

LEAVE A REPLY