Home ANGOLO DELL'EDITORIALE EDITORIALE: I soliti “falsi scoop” del Daily Mirror questa volta fatti sui...

EDITORIALE: I soliti “falsi scoop” del Daily Mirror questa volta fatti sui Led Zeppelin.

170
0
SHARE

di Mela Giannini
L’altro giorno una notizia a dir poco incredibile, ha fatto il giro del mondo, mettendo in agitazione ed ansia tutto l’ambiente musicale e grande parte del pubblico del periodo del grande Rock che fu.
La notizia era quella di una possibile reunion dei Led Zeppelin, anzi, lo scoop vero e proprio era riferito al “rifiuto” di una cifra faraonica da parte di Robert Plant per riunire la storica band dei Led Zeppelin.

led-zeppelin-ristampa-album-inediti-580x388

Lo “scoop”, nemmeno a dirlo, arrivava dalle pagine dell’ormai tristemente noto tabloid inglese “Daily Mirror”, che da anni ormai ci delizia di news e scoop a volte inventati di sana pianta, a volte concordati con i protagonisti dello scoop stesso e a volte dati per “buoni” solo dando credibilità a  “voci di corridoio”, indiscrezioni di cui non ci si accerta nemmeno la veridicità.

Ebbene, lo scoop sui Led Zeppelin dell’altro giorno era una di quelle notizie che hanno la stessa fattezza di un pettegolezzo tra “comari”. Ma la cosa non ha fermato i redattori della rivista , che hanno “sbattuto” a lettere cubitali la notizia sulle pagine del loro giornale.

La notizia, in poche parole, riportava la “storia” del “cattivo” Robert Plant, reo di  non aver accettato una grossa offerta in denaro, di 500 milioni di sterline, fatta dal magnate della Virgin (Richard Branson), per riunire la mitica band dei Led Zeppelin.

1415539501651_wps_10_Richard_Branson_leaving_a

I dettagli della notizia erano ancora più incredibili, perchè descrivevano uno scenario fatto di un tour già pronto (con tanto di cordata di promoter internazionali già li a sganciar soldi) di 35 date  tra Londra, Berlino e una località non precisata del New Jersey e non solo.
Addirittura la notizia si spingeva fino ad abbellire l’immaginario  con dettagli  che vedevano già la band  portata a destinazione, tra una location e l’altra, da un jet privato della flotta personale del magnate Branson.

Ovviamente il Mirror scriveva che la fonte era “anonima” e che addirittura, la stessa “fonte”  riportava fedelmente quanto successo e cosa detto e fatto da Robert Plan, con tanto di “virgolettature” che riportiamo di seguito:

Robert Plant era fuori di sé. Abbiamo provato a parlarci, ma non c’è stato modo. Jimmy, John e Jason [Jason Bonham, figlio dello scomparso batterista John, ndr] avevano firmato immediatamente, Robert ha chiesto due giorni per pensarci. Poi è tornato ed ha strappato il contratto. Siamo rimasti tutti sotto shock: ovviamente l’operazione non poteva partire senza di lui. Richard [Branson, ndr] era molto amareggiato: nemmeno tutti quei soldi sono riusciti a convincerlo.” (da ricordare che il  gruppo si sciolse nel 1980, anno della morte del batterista John Bonham ).

Ma come tutte le “favolette” costruite su castelli di carta, è bastato un nulla affinchè il tutto “crollasse” penosamente, perchè non è tardata ad arrivare la NETTA smentita da parte di tutte le parti in causa.
Per prima si è mosso Robert Plant, che tramite un suo portavoce, non solo ha smentito lo scoop, ma ha definito la notizia come “SPAZZATURA”.

A rincarare la dose sulla smentita è stato poi  proprio lo stesso Richard Branson, che parafrasando il titolo di una celebre canzone del gruppo, “Dazed and Confused“, si è detto  appunto “stupito e confuso” dalla notizia, e sul suo famoso blog della Virgin ha testualmente scritto:
Per quanto ami tantissimo la band, non c’è assolutamente niente di vero“.
Branson ha anche smentito che la sua compagnia aerea fosse pronta a rinominare uno dei suoi aerei “Stairway to Heaven” in onore del gruppo, e testualmente ha detto: “Per quanto sia una bella idea, anche questa è completamente falsa“.

blog Branson

Morale della favola …dopo tutte queste smentite, fatte anche NERO SU BIANCO, il Mirror, in modo codardo, ha addirittura  rimosso il famoso “scoop” dal suo sito .
E anche questa volta il caro Tabloid ha fatto la sua “sporca” figura di m***

Comments

LEAVE A REPLY